Cubafacile -  Il Forum di Cuba e della sua gente
Facebook
Twitter
Gplus
RSS

IL LUOGO DOVE SI PARLA DI CUBA E LA SUA GENTE
 

Il costo dei refrescos



 
Nuovo argomento   Rispondi    Cubafacile - Il Forum di Cuba e della sua gente -> Tematiche generali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Sab 11 Nov 2017 - 12:12     Oggetto: Il costo dei refrescos Rispondi citando

L'articolo é lungo ma sostanzialmente si tratta di una polemica relativa al costo dei refrescos Cool

Mi piacerebbe sapere cose ne pensate Wink


El precio de los refrescos enlatados en el sector no estatal se ha elevado de forma paulatina, como consecuencia de una especulación en la que el consumidor nunca gana

Aunque ha pasado casi un mes, todavía Ernesto Hidalgo se encoleriza cuando recuerda el altercado verbal sostenido en una de las cafeterías particulares ubicadas en el tramo de la Carretera Central de este territorio.

El joven bajó corriendo de la Yutong, en busca de apaciguar el calor y la sed de su hijo, renuente a tomar otra cosa que no fuera un refresco enlatado.

Al pedir el producto y extraer de su cartera 15 pesos, tropezó con la primera piedra de un camino que —a su juicio— conduce a un destino tortuoso, injusto y en el que los especuladores transitan a su libre albedrío.

«Socio, te faltan cinco», le ripostó el vendedor desde el otro lado del mostrador con cara de pocos amigos. «¡A 20 pesos ya está el refresco aquí! ¿Cómo esperas ganarle casi más que todos los que intervienen en su cadena productiva? Esto…», no pudo seguir con la especie de clase de mercadotecnia, pues la frase llegada de la voz gruesa de su interlocutor aún lo irrita.

«Si no lo quieres, no lo compres», cortó tajante la plática: no existía negociación ni entendimiento posible.

Y aunque Ernesto desembolsó la cantidad requerida, no se conforma. Luego comprobó que en otros puntos de venta de trabajadores por cuenta propia, cercanos al hospital provincial Camilo Cienfuegos y al hospital pediátrico José Martí, de Sancti Spíritus, los refrescos enlatados a menor precio son una quimera. Y todo ello asumido como «norma», bajo el escudo de la tan «alabada» para algunos, ley de la oferta y la demanda; para el resto —los consumidores—, como dicen en el oriente del país: «por los pantalones de Maceo».

Es cierto que el precio de las sugerentes laticas en el sector estatal, diez pesos, resulta elevado para el bolsillo medio; pero la cuenta no «cuadra» de forma alguna cuando se constata que en poco más de un año su costo ha aumentado en los puntos particulares de 13 a 20 pesos, y el de las maltas de 20 a 25. De seguir aumentando será prácticamente un lujo saborearlas. Un lamentable hecho que roza no solo con la falta de respeto, sino con la «ley de la selva».

Entre la demanda y la oferta
Hasta este momento, en Cuba las actividades por cuenta propia y sus alcances se rigen por lo establecido en la Resolución No. 42/2013, publicada en la Gaceta Oficial No. 027 Extraordinaria de 26 de septiembre de ese año.

De acuerdo con el máster en Ciencias Gustavo Alcántara Benítez, subdirector de Empleo de la Dirección Provincial de Trabajo y Seguridad Social (TSS), en ese documento queda establecido que solo está autorizado a vender el refresco enlatado adquirido en la red minorista quien ejerce como elaborador vendedor de alimentos y bebidas mediante servicio gastronómico en restaurantes (paladares) y en punto fijo de venta (cafetería), así como el elaborador vendedor de alimentos y bebidas no alcohólicas a domicilio y la cafetería de alimentos ligeros; en todos estos casos siempre que tengan un valor agregado incluido.

«Dígase, por ejemplo, que lo expendan de forma fría, en un vaso… No está legislado que lo puedan vender al por mayor. En la “42” también queda claro que quienes tienen licencia como elaboradores vendedores de alimentos y bebidas no alcohólicas de forma ambulatoria no pueden comercializar productos importados ni adquiridos en la red minorista», explica.

En dicha Resolución no se plantea nada referido a los precios de los productos y servicios que ofrecen las 201 actividades aprobadas.

«En el sector no estatal no hay regulación de precios. Todo transcurre bajo el concepto de la ley de la oferta y la demanda. Solo el Consejo de la Administración Provincial tiene el poder de dictaminar algunos precios. En Sancti Spíritus se ha hecho en determinadas oportunidades, como por ejemplo carnavales y semanas de la cultura, para lograr similitud con los precios del sector estatal», añade Alcántara Benítez.

Mas la práctica ha demostrado que esa formación de los precios entre los cuentapropistas evidencia y sustenta el afán desmedido de lucro de unos cuantos. Nadie puede considerar razonable que el valor de una lata de refresco en una cafetería en plena calle, donde muchas veces se compra y se sigue el paso, sea el doble de lo que cuesta en el mercado minorista. Es inadmisible, ni aunque te lo sirvan en copas de cristal baccarat. En ese proceso de comercialización no se invierte en otros productos ni tampoco esfuerzo humano alguno, como sí ocurre en la elaboración de alimentos o confección de artículos.

Tras realizar una encuesta entre varios titulares de negocios espirituanos, en busca de comprender las causas de esa alza desmedida, se obtuvieron criterios comunes: «Hay que “luchar” duro, porque llegan muy pocas cajas a los mercados»… «Como no siempre el Estado tiene, la gente paga lo que sea»… «No estamos violando nada, esto es oferta y demanda»…

Según Osmany Rodríguez Martínez, jurídico de la Dirección Provincial de TSS, el mismo nombre de la ley de oferta y demanda expresa su significado: la relación existente entre la demanda de un producto y la cantidad ofrecida de este, según su precio.

«Para que exista un equilibrio entre esos factores debe ocurrir que los consumidores compren todos los productos que se ponen a su disposición. Por tanto, la demanda disminuye cuando el precio aumenta, y cuando la cantidad ofrecida es mayor que los intereses de los públicos, los vendedores tienen que bajar los precios para elevar las ventas», refiere.

Pero «siempre está el que lo compra sin importarle el precio», opina uno de los encuestados.

Para Rodríguez Martínez, experimentado abogado yayabero, detrás de esta lastimosa realidad convive un factor decisivo: la ausencia en la provincia de un mercado mayorista para el sector no estatal. Sin dudas, la principal preocupación para los titulares de negocios en ese sector.

«Su ficha de costo tiene que partir de un precio minorista, llevándolos muchas a veces a determinar cifras de pago inaccesibles para muchas personas. Además de que compiten con el usuario natural que adquiere el producto en la tienda, por lo que no tienen garantía de su acceso a este», agrega.

Otro de los problemas que afecta al sector no estatal, a juicio del Subdirector de Empleo de la Dirección Provincial de TSS es la insuficiente presencia en las tiendas de productos estrella, entre los que se destaca el refresco.

Y se justifican con que «al tener que adquirirlos hasta en provincias vecinas se ven obligados a subirles sus precios, porque si no, tienen pérdidas», concluye el directivo.

El ser y el tener
Aunque ya existen puntos de venta de mercados mayoristas en el país para el sector no estatal, solo satisfacen la demanda de los productos agrícolas, industriales y otros asociados a la apicultura. Todavía ha sido imposible ampliarlos en todos los territorios de la nación y con ofertas más diversas.

Por ello muchas veces se han detectado negociaciones directas de cuentapropistas. Por ejemplo, en la ciudad del Yayabo resulta casi imposible ver en el mostrador de los Mercados Ideales refrescos enlatados o en pomos. De sus almacenes saltan a los puntos de venta particulares. Tanto en las inmediaciones de esos espacios como de las tiendas recaudadoras de divisas resulta común ver la salida de cajas de esos productos adquiridos por una sola persona. Por ello los particulares pocas veces están desabastecidos, como suele suceder en los centros estatales.

«El acaparamiento se sanciona según nuestro Código Penal, siempre que se personalice el hecho, según las condiciones que configuran la tipificación o no de ese delito», aclara el jurídico espirituano. Una delimitación, de ser prudente, tal vez haría factible el enfrentamiento a hechos de este tipo. Pero está por determinarse si puede tipificarse de esa manera la compra al por mayor en el mercado minorista, como ahora es común por una realidad concreta.

De cualquier forma, los exorbitantes precios de las bebidas enlatadas en el sector no estatal espirituano no se justifican, a no ser que se asuman como una decisión «porque sí».

El tope de los precios en esa otra cara del comercio cubano debería ser analizado en el estudio que se realiza sobre esas actividades con el objetivo de perfeccionarlas, así como por los consejos provinciales de la administración.

De seguir la tendencia actual, en cualquier momento tomarse un vaso de líquido colorante, azucarado y con gas será prácticamente imposible. Urge patear esa lata.

_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Sab 11 Nov 2017 - 13:09     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

Coccobello, come gritano nelle spiagge italiani


Diciamo che da un lato, nel settore privato, i prezzi vengono regolati da domanda e offerta, se un rivenditore decide di vendere a un prezzo, e segno che evidentemente ritiene che si riesce a vendere e guadagnare qualcosa.


Poi a Cuba come altrove, anche qua spesso un vaso di cola in un locale puo valere da 2 a 5 euro... quando una bottiglia da 1,5 l a lidl costa meno di 1 euro.

Che poi i prezzi dei refrescos a cuba, specialmente se rapportati ai costi di vita e stipendio siano alti quello e un altro paio di maniche.
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Sab 11 Nov 2017 - 13:23     Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Es cierto que el precio de las sugerentes laticas en el sector estatal, diez pesos, resulta elevado para el bolsillo medio; pero la cuenta no «cuadra» de forma alguna cuando se constata que en poco más de un año su costo ha aumentado en los puntos particulares de 13 a 20 pesos

las actividades por cuenta propia y sus alcances se rigen por lo establecido en la Resolución No. 42/2013, publicada en la Gaceta Oficial No. 027 Extraordinaria de 26 de septiembre de ese año

«En el sector no estatal no hay regulación de precios. Todo transcurre bajo el concepto de la ley de la oferta y la demanda. Solo el Consejo de la Administración Provincial tiene el poder de dictaminar algunos precios

Nadie puede considerar razonable que el valor de una lata de refresco en una cafetería en plena calle, donde muchas veces se compra y se sigue el paso, sea el doble de lo que cuesta en el mercado minorista. Es inadmisible, ni aunque te lo sirvan en copas de cristal baccarat. En ese proceso de comercialización no se invierte en otros productos ni tampoco esfuerzo humano alguno


detrás de esta lastimosa realidad convive un factor decisivo: la ausencia de un mercado mayorista para el sector no estatal

«El acaparamiento se sanciona según nuestro Código Penal, siempre que se personalice el hecho, según las condiciones que configuran la tipificación o no de ese delito»
Una delimitación tal vez haría factible el enfrentamiento a hechos de este tipo. Pero está por determinarse si puede tipificarse de esa manera la compra al por mayor en el mercado minorista, como ahora es común por una realidad concreta.



TRADUZIONE AUTOMATICA


È vero che il prezzo delle suggestive latiche nel settore statale, dieci pesos, è alto per la tasca media; ma il conto non "si adatta" in alcun modo quando si scopre che in poco più di un anno il suo costo è aumentato dai privati da 13 a 20 pesos

le attività per conto proprio e la loro portata sono disciplinate dalle disposizioni della delibera n. 42/2013, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 027 straordinaria del 26 settembre di quell'anno

"Nel settore non statale non esiste una regolamentazione dei prezzi. Tutto accade sotto il concetto della legge di offerta e di domanda. Solo il Consiglio dell'amministrazione provinciale ha il potere di dettare alcuni prezzi

Nessuno può considerare ragionevole che il valore di una lattina di soda in una caffetteria in mezzo alla strada, dove molte volte sia acquistata e rintracciata, è doppia di quanto costa nel mercato al dettaglio. È inammissibile, anche se viene servito in bicchieri di cristallo baccarat. In questo processo di commercializzazione, non c'è investimento in altri prodotti né uno sforzo umano


dietro questa sfortunata realtà coesiste un fattore decisivo: l'assenza di un mercato all'ingrosso per il settore non statale

"L'accumulazione è sanzionata secondo il nostro codice penale, a condizione che il fatto sia personalizzato, secondo le condizioni che costituiscono la tipizzazione o meno di quel reato"
Una delimitazione potrebbe consentire di affrontare eventi di questo tipo. Ma resta da stabilire se l'acquisto all'ingrosso nel mercato al dettaglio può essere digitato in questo modo, come è ormai comune per una realtà specifica.
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Sab 11 Nov 2017 - 13:36     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

ragioniere ha scritto:

Diciamo che da un lato, nel settore privato, i prezzi vengono regolati da domanda e offerta, se un rivenditore decide di vendere a un prezzo, e segno che evidentemente ritiene che si riesce a vendere e guadagnare qualcosa.


Giusto!


Citazione:
Poi a Cuba come altrove, anche qua spesso un vaso di cola in un locale puo valere da 2 a 5 euro... quando una bottiglia da 1,5 l a lidl costa meno di 1 euro.


Sbagliato! A Cuba non c'è la LIDL e, al momento, neanche vendita all'ingrosso per queste bevande
Se il rivenditore privato, che paga tasse e licenza, deve guadagnare qualcosa... a quanto dovrebbe rivendere una lattina di refresco che paga 0.50$ Question

Ma alcuni passaggi dell'articolo (riportati piú su) sono ancora piú straordinari Shocked Razz

Tipo questo: "Nessuno può considerare ragionevole che il valore di una lattina di soda in una caffetteria è doppia (riferito a 20CUP Shocked ) di quanto costa nel mercato al dettaglio. È inammissibile anche se viene servito in bicchieri di cristallo baccarat. In questo processo di commercializzazione, non c'è investimento in altri prodotti né uno sforzo umano"

Mi viene da chiedere quanto pensa che durerebbe un bicchiere di cristallo baccarat nelle mani di un cubano e quanto, se si trovasse, costerebbe a Cuba Twisted Evil
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Sab 11 Nov 2017 - 21:44     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

Capisco

e ti do ragione, voglio dire che anche qua nelle cafeterias o bar un refresco ti vale almeno 3-4 volte di piu che in un supermercato

Ovvio che se a Cuba lo paghi a 0,50 cuc che sarebbero 12 pesos, ci puo anche stare venderlo a 20, poi a seconda del posto, qualcuno lo vende anche un po di meno, ma difficile sia sotto i 15 pesos.

La logica vorrebbe che magari lo stato lo vende ai rivenditori a 0,30 cuc e quindi sia possibile rivenderlo a 0,50 cuc....

Ma sino a che non e cosi, questa e la situazione, fermo restando che un privato alla fine ci mette i suoi soldi, quindi lo puo vendere come vuole.
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 1:44     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

ragioniere ha scritto:
Capisco

e ti do ragione, voglio dire che anche qua nelle cafeterias o bar un refresco ti vale almeno 3-4 volte di piu che in un supermercato

Ovvio che se a Cuba lo paghi a 0,50 cuc che sarebbero 12 pesos, ci puo anche stare venderlo a 20, poi a seconda del posto, qualcuno lo vende anche un po di meno, ma difficile sia sotto i 15 pesos.

La logica vorrebbe che magari lo stato lo vende ai rivenditori a 0,30 cuc e quindi sia possibile rivenderlo a 0,50 cuc....

Ma sino a che non e cosi, questa e la situazione, fermo restando che un privato alla fine ci mette i suoi soldi, quindi lo puo vendere come vuole.


Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink

Da questa parte dell'Atlantico se al "bar un refresco ti vale almeno 3-4 volte di piu che in un supermercato" é un miracolo. In Sfissera puó costare anche 6, 8 o 10 volte piú caro... e rispetto a Cuba, in proporzione, le spese fisse e variabili annesse e connesse non sono molto diverse

Poi, invece di criticare ed eventualmente analizzare le cause dell'insufficiente offerta (leggi produzione/distribuzione), l'articolo evoca l'ipotesi di reato di "accaparramento" commesso da chi semplicemente cerca di comprare una quantità di prodotto sufficiente per le sue necessità commerciali

Va a capire... Confused
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
giumiro



Registrato: 26/10/06 09:31
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 13:17     Oggetto: Rispondi citando

Il problema, come avete ben detto, e che a cuba non esiste commercio all ingrosso....ed un particular per guadagnarci deve venderlo piu caro ed e sbagluato quello che dice l articolo che non c ė un investimento.....bisogna calcolare le spese di personale, affitto locale e utenze varie......
_________________
no es facil!
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 14:46     Oggetto: Rispondi citando

giumiro ha scritto:
Il problema, come avete ben detto, e che a cuba non esiste commercio all ingrosso....ed un particular per guadagnarci deve venderlo piu caro ed e sbagluato quello che dice l articolo che non c ė un investimento.....bisogna calcolare le spese di personale, affitto locale e utenze varie......


OK

vallo a spiegare a certa gente che se un cuentapropista vende un refresco a meno di 20CUP (=0.80CUC - guadagno lordo 60%) o una cerveza a meno di 40CUP (=1.60CUC - guadagno lordo 60%) STA LAVORANDO IN PERDITA Exclamation
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
fabiocuba



Registrato: 23/06/12 17:45
Messaggi: 1239
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 18:48     Oggetto: Rispondi citando

cocoloco ha scritto:
giumiro ha scritto:
Il problema, come avete ben detto, e che a cuba non esiste commercio all ingrosso....ed un particular per guadagnarci deve venderlo piu caro ed e sbagluato quello che dice l articolo che non c ė un investimento.....bisogna calcolare le spese di personale, affitto locale e utenze varie......


OK

vallo a spiegare a certa gente che se un cuentapropista vende un refresco a meno di 20CUP (=0.80CUC - guadagno lordo 60%) o una cerveza a meno di 40CUP (=1.60CUC - guadagno lordo 60%) STA LAVORANDO IN PERDITA Exclamation


Infatti, fosse per me non la venderei a non meno di 25 pesos se avessi tipo un paladar che comunque mi permetterebbe di guadagnare parte dei miei ricavi attraverso la ristorazione..

Se invece avessi un night o disco bar dove le bevande rappresenterebbero il grosso dellla vendita del mio locale il prezzo salirebbe ad almeno 1,5 OK ed almeno 2 la cerveza
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 19:39     Oggetto: Rispondi citando

fabiocuba ha scritto:
cocoloco ha scritto:
giumiro ha scritto:
Il problema, come avete ben detto, e che a cuba non esiste commercio all ingrosso....ed un particular per guadagnarci deve venderlo piu caro ed e sbagluato quello che dice l articolo che non c ė un investimento.....bisogna calcolare le spese di personale, affitto locale e utenze varie......


OK

vallo a spiegare a certa gente che se un cuentapropista vende un refresco a meno di 20CUP (=0.80CUC - guadagno lordo 60%) o una cerveza a meno di 40CUP (=1.60CUC - guadagno lordo 60%) STA LAVORANDO IN PERDITA Exclamation


Infatti, fosse per me non la venderei a non meno di 25 pesos se avessi tipo un paladar che comunque mi permetterebbe di guadagnare parte dei miei ricavi attraverso la ristorazione..

Se invece avessi un night o disco bar dove le bevande rappresenterebbero il grosso dellla vendita del mio locale il prezzo salirebbe ad almeno 1,5 OK ed almeno 2 la cerveza


in questo modo dimostreresti di conoscere le "regole del gioco" e di saper contare OK
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 21:53     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

cocoloco ha scritto:

Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink
?


A dire il vero, quando criticavo. io mi riferivo ai prezzi dello stato, non a quelli dei privati Un refresco da 1,5 l nel supermercato cubano deve costare non piu di 30,40 cent e quello il prezzo.

E ovvio che se poi un rivenditore lo paga a 0,50 cent, che giocoforza lo deve rivendere a un prezzo molto piu alto e questo vale per tutto , che poi magari qualcuno esagera e calca un po la mano e vero, ma sempre relativamente, perche alla fine sinche parliamo di privati, ognuno ha la sua strategia e se ci rimette, ci rimette del suo.
Differente invece quando si amministrano soldi altrui
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Dom 12 Nov 2017 - 22:30     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

ragioniere ha scritto:
cocoloco ha scritto:

Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink
?


A dire il vero, quando criticavo. io mi riferivo ai prezzi dello stato, non a quelli dei privati Un refresco da 1,5 l nel supermercato cubano deve costare non piu di 30,40 cent e quello il prezzo.

Differente invece quando si amministrano soldi altrui


Ricordo bene quello che dicevi... ma che 1,5Lt di refresco debbano costare 0.30-0.40CUC é una teoria tua che trova conforto solo nel fatto che da queste parti la stessa quantità di liquido gassato colorato puó costare quel prezzo

Ma visto che nonostante i prezzi, a Cuba, i refrescos sia in pomo che in lattina spesso scarseggiano... signiFICA che la domanda supera l'offerta. Problema che non si risolve certo diminuendo i prezzi
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 10:00     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

Se da queste parti (dove si hanno maggior costi) si vendono a 0,30 cent la bottiglia da 1,5 l, e segno che ci guadagnano.

E ovvio che se in un paese qualcuno ha il monopolio, puo decidere sulla domanda e la offerta, qualcosa di simile succede anche in sicilia, quando vengono (semi) distrutti determinati raccolti per mantenere certi prezzi.

Ovvio che attualmente se cuba decide produrre 100 refrescos e ha il monopolio, decidono loro il prezzo e quindi in ogni caso la domanda supera L'offerta, sono del tuo parere OK

Pero in una economia libera, e producendo molto di piu, il costo di un refresco a cuba, potrebbe e dovrebbe essere su per giu, a livelli standard.
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
Bonvys79



Registrato: 07/10/14 09:30
Messaggi: 3284

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 10:14     Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
attualmente se cuba decide produrre 100 refrescos


Non è che decide, è che proprio a produrre più di una certa quantità, non ce la fa proprio, per i noti problemi che tutti conosciamo Wink
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 11:16     Oggetto: Rispondi citando

Bonvys79 ha scritto:
Citazione:
attualmente se cuba decide produrre 100 refrescos


Non è che decide, è che proprio a produrre più di una certa quantità, non ce la fa proprio, per i noti problemi che tutti conosciamo Wink


Pero potrebbero anche togliersi dalle biglie, e far produrre a privati

Se io non ce la faccio a fare qualcosa, mi tolgo dalle biglie, e cosi semplice

e vedi poi come i privati ce la fanno , sempre che ovviamente li fai lavorare e non inventi tasse e controtasse che ostacolano la produzione
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 11:43     Oggetto: Rispondi citando

Bonvys79 ha scritto:
Citazione:
attualmente se cuba decide produrre 100 refrescos


Non è che decide, è che proprio a produrre più di una certa quantità, non ce la fa proprio, per i noti problemi che tutti conosciamo Wink


Oltre a quello che ti ha fatto giustamente notare Bonvys ti segnalo che:

Citazione:
E ovvio che se in un paese qualcuno ha il monopolio, puo decidere sulla domanda e la offerta


Ovviamente NON puó "decidere sulla domanda" Exclamation Figurati se qualcuno potesse obbligare le centinaia di tue ex-suegra/tias/primas/cuñadas ad ingurgitare refrescos o megliassai lechita de porceddu Rolling Eyes Razz

Al massimo si puó influenzare la domanda agendo prezzo... peró al contrario di quello che suggerisci tu Cool Per tentare di ridurre la domanda dovrebbero aumentare il prezzo
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 11:49     Oggetto: Rispondi citando

ragioniere ha scritto:
Bonvys79 ha scritto:
Citazione:
attualmente se cuba decide produrre 100 refrescos


Non è che decide, è che proprio a produrre più di una certa quantità, non ce la fa proprio, per i noti problemi che tutti conosciamo Wink


Pero potrebbero anche togliersi dalle biglie, e far produrre a privati

Se io non ce la faccio a fare qualcosa, mi tolgo dalle biglie, e cosi semplice

e vedi poi come i privati ce la fanno , sempre che ovviamente li fai lavorare e non inventi tasse e controtasse che ostacolano la produzione


Il mondo perfetto! Razz Gente che lavora, magari poco guadagnando molto, senza pagare GNENTE di tasse comp
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 12:33     Oggetto: Rispondi citando

miiii Confused ... leggendo i commenti all'articolo mi rendo conto che una buona parte, forse la metà, colpevolizzano i cuentapropistas... sia per quanto riguarda i prezzi troppo alti sia per quanto riguarda la scarsità (o assenza) di questi prodotti nei punti vendita statali

Certo che i kuvani so' forti Brick wall ... poi magari gli autori di questi commenti sono gli stessi che si dedicano a far sparire dai negozi tutte quelle cose (materiali di costruzione, ecc ecc...) che poi rivendono al mercato nero a prezzi maggiorati Twisted Evil
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
fabiocuba



Registrato: 23/06/12 17:45
Messaggi: 1239
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 15:12     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

ragioniere ha scritto:
cocoloco ha scritto:

Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink
?


A dire il vero, quando criticavo. io mi riferivo ai prezzi dello stato, non a quelli dei privati Un refresco da 1,5 l nel supermercato cubano deve costare non piu di 30,40 cent e quello il prezzo.

E ovvio che se poi un rivenditore lo paga a 0,50 cent, che giocoforza lo deve rivendere a un prezzo molto piu alto e questo vale per tutto , che poi magari qualcuno esagera e calca un po la mano e vero, ma sempre relativamente, perche alla fine sinche parliamo di privati, ognuno ha la sua strategia e se ci rimette, ci rimette del suo.
Differente invece quando si amministrano soldi altrui


Gabriele quello che tu chiami calcare la mano è una cosa normale se tu ti trovassi nella condizione di fare l imprenditore a cuba....

Se io pago 0,50 una lattina di coca ed ho un locale con 5-6 dipendenti è lapalissiano che io debba ricaricare il triplo, altrimenti come dici tu " guadagno capocchie".

Il mio discorso vale sopratutto per quei locali che guadagnano quasi esclusivamente con la vendita di bibite ed alcolici vari...se uno entra in locale del genere, senza pagare un ingresso, e magari hai pure la fortuna che questo locale ti faccia ascoltare musica dal vivo, vuoi non pagare almeno 1,5 cuc un refresco e 2 cuc una cerveza ??? Rolling Eyes
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
cocoloco



Registrato: 30/09/06 03:26
Messaggi: 86141

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 15:39     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

fabiocuba ha scritto:
ragioniere ha scritto:
cocoloco ha scritto:

Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink
?


A dire il vero, quando criticavo. io mi riferivo ai prezzi dello stato, non a quelli dei privati Un refresco da 1,5 l nel supermercato cubano deve costare non piu di 30,40 cent e quello il prezzo.

E ovvio che se poi un rivenditore lo paga a 0,50 cent, che giocoforza lo deve rivendere a un prezzo molto piu alto e questo vale per tutto , che poi magari qualcuno esagera e calca un po la mano e vero, ma sempre relativamente, perche alla fine sinche parliamo di privati, ognuno ha la sua strategia e se ci rimette, ci rimette del suo.
Differente invece quando si amministrano soldi altrui


Gabriele quello che tu chiami calcare la mano è una cosa normale se tu ti trovassi nella condizione di fare l imprenditore a cuba....

Se io pago 0,50 una lattina di coca ed ho un locale con 5-6 dipendenti è lapalissiano che io debba ricaricare il triplo, altrimenti come dici tu " guadagno capocchie".

Il mio discorso vale sopratutto per quei locali che guadagnano quasi esclusivamente con la vendita di bibite ed alcolici vari...se uno entra in locale del genere, senza pagare un ingresso, e magari hai pure la fortuna che questo locale ti faccia ascoltare musica dal vivo, vuoi non pagare almeno 1,5 cuc un refresco e 2 cuc una cerveza ??? Rolling Eyes


ricaricare il triplo (o semplicemente vendere al triplo del prezzo di acquisto) é difficile per i superalcolici impossibile per tutti gli altri liquidi

Il tuo discorso vale per tutti i locali, non solo quelli dove si ascolta musica en vivo. Le spese accessorie, ordinarie o straordinarie, a Cuba sono (in proporzione) molto piú alte

Qualche esempio:

- un frullatore professionale che altrove dura decenni a Cuba, chissà perché, dura se tutto va bene qualche mese Confused
- la manuntenzione di qualsiasi macchinario che lavora con l'acqua cubana (macchina del café, frabbrica ghiaccio, ecc ) dev'essere quotidiana
- coppe e bicchieri hanno una durata di vita simile a quella delle farfalle Confused

Potrei fare molti altri esempi... ma forse basta aggiungere che riescono a rompere anche tavoli di marmo Shocked Twisted Evil
_________________
IL PIACERE DI INFORMARE, DI INFORMARSI, DI CONDIVIDERE
CUBAFACILE.COM
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato MSN
fabiocuba



Registrato: 23/06/12 17:45
Messaggi: 1239
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 15:56     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

cocoloco ha scritto:
fabiocuba ha scritto:
ragioniere ha scritto:
cocoloco ha scritto:

Memore di certi tuoi antichi commenti sui prezzi dei refrescos Cool ... sono contento che adesso tu capisca e condivida Wink
?


A dire il vero, quando criticavo. io mi riferivo ai prezzi dello stato, non a quelli dei privati Un refresco da 1,5 l nel supermercato cubano deve costare non piu di 30,40 cent e quello il prezzo.

E ovvio che se poi un rivenditore lo paga a 0,50 cent, che giocoforza lo deve rivendere a un prezzo molto piu alto e questo vale per tutto , che poi magari qualcuno esagera e calca un po la mano e vero, ma sempre relativamente, perche alla fine sinche parliamo di privati, ognuno ha la sua strategia e se ci rimette, ci rimette del suo.
Differente invece quando si amministrano soldi altrui


Gabriele quello che tu chiami calcare la mano è una cosa normale se tu ti trovassi nella condizione di fare l imprenditore a cuba....

Se io pago 0,50 una lattina di coca ed ho un locale con 5-6 dipendenti è lapalissiano che io debba ricaricare il triplo, altrimenti come dici tu " guadagno capocchie".

Il mio discorso vale sopratutto per quei locali che guadagnano quasi esclusivamente con la vendita di bibite ed alcolici vari...se uno entra in locale del genere, senza pagare un ingresso, e magari hai pure la fortuna che questo locale ti faccia ascoltare musica dal vivo, vuoi non pagare almeno 1,5 cuc un refresco e 2 cuc una cerveza ??? Rolling Eyes


ricaricare il triplo (o semplicemente vendere al triplo del prezzo di acquisto) é difficile per i superalcolici impossibile per tutti gli altri liquidi

Il tuo discorso vale per tutti i locali, non solo quelli dove si ascolta musica en vivo. Le spese accessorie, ordinarie o straordinarie, a Cuba sono (in proporzione) molto piú alte

Qualche esempio:

- un frullatore professionale che altrove dura decenni a Cuba, chissà perché, dura se tutto va bene qualche mese Confused
- la manuntenzione di qualsiasi macchinario che lavora con l'acqua cubana (macchina del café, frabbrica ghiaccio, ecc ) dev'essere quotidiana
- coppe e bicchieri hanno una durata di vita simile a quella delle farfalle Confused

Potrei fare molti altri esempi... ma forse basta aggiungere che riescono a rompere anche tavoli di marmo Shocked Twisted Evil


OK
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
ragioniere



Registrato: 19/12/08 20:12
Messaggi: 18250

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 19:36     Oggetto: Re: Il costo dei refrescos Rispondi citando

fabiocuba ha scritto:
Gabriele quello che tu chiami calcare la mano è una cosa normale se tu ti trovassi nella condizione di fare l imprenditore a cuba....

Se io pago 0,50 una lattina di coca ed ho un locale con 5-6 dipendenti è lapalissiano che io debba ricaricare il triplo, altrimenti come dici tu " guadagno capocchie".

Il mio discorso vale sopratutto per quei locali che guadagnano quasi esclusivamente con la vendita di bibite ed alcolici vari...se uno entra in locale del genere, senza pagare un ingresso, e magari hai pure la fortuna che questo locale ti faccia ascoltare musica dal vivo, vuoi non pagare almeno 1,5 cuc un refresco e 2 cuc una cerveza ??? Rolling Eyes


Tutto giusto
il problema secondo me non sono i privati, ma chi causa loro spese inutili, chi fa loro prezzi da strozzini e quindi fa inevitabilmente lievitare i prezzi
Vendendo la materia prima a prezzi da grossista, e cercando di limitare le spese s aiuterebbe non poco a far calare i prezzi

Altrimenti il tuo discorso e chiaro, cosi come e chiaro che con questa strategia la economia cubana non decolla
_________________
Mio padre a 18 anni mi disse: metti il pesce in mano a una ragazza, tanto se non lo prende non cade (cit. Edoardo)
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato
giumiro



Registrato: 26/10/06 09:31
Messaggi: 1949

MessaggioInviato: Lun 13 Nov 2017 - 20:18     Oggetto: Rispondi citando

cocoloco ha scritto:
giumiro ha scritto:
Il problema, come avete ben detto, e che a cuba non esiste commercio all ingrosso....ed un particular per guadagnarci deve venderlo piu caro ed e sbagluato quello che dice l articolo che non c ė un investimento.....bisogna calcolare le spese di personale, affitto locale e utenze varie......


OK

vallo a spiegare a certa gente che se un cuentapropista vende un refresco a meno di 20CUP (=0.80CUC - guadagno lordo 60%) o una cerveza a meno di 40CUP (=1.60CUC - guadagno lordo 60%) STA LAVORANDO IN PERDITA Exclamation


Non ci vuole una volpe a capirlo ma e proprio per questo motivo che il costo della vita sta aumentando a cuba......perche poi dallo stato comprano molti cuentapropista e poi vendono chiaramente piu caro per guadagnarci e si sa come vanno le cose a cuba....in tempo di carnevale las tiendas o carpas statali nn hanno birra o nn e fresca.....perche??

Poi un aumento chiama altri aumenti....solo i prodotti calmierati si abbassano....fin tanto che si trovano

Ok ok ya....no hablo mas ...desculpa la molestia coco OK
_________________
no es facil!
Inizio Pagina
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Cubafacile - Il Forum di Cuba e della sua gente -> Tematiche generali Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi